Pasqua 2022: perché la data cambia ogni anno!

La Pasqua, che quest’anno cade il 17 aprile 2022, è tra le festività mobili, perché ogni anno cambia data, in base alle fasi lunari. Portandosi dietro anche il Lunedì dell’Angelo. Questa decisione risale al 325 d.C., quando al Concilio di Nicea, si stabilì che la Pasqua (quella cristiana) si sarebbe celebrata la prima domenica dopo la prima Luna piena di primavera, ossia la prima domenica disponibile dopo l’equinozio di primavera e la prima luna piena. 

Lo scorso anno, nel 2021, l’equinozio è stato il 20 marzo, mentre il primo plenilunio il 28 marzo. Quindi la Pasqua è caduta il 4 aprile 2021. Quest’anno l’equinozio c’è stato il 20 marzo, mentre il plenilunio si potrà vedere il 16 aprile, il giorno prima della Pasqua. Nel 2023 la festività cadrà di aprile.

Pasqua cristiana e Pasqua ebraica

Ma che c’entrano le fasi lunari con la Pasqua? La celebrazione cristiana, in cui si festeggia la risurrezione di Gesù, trae origine da quella ebraica o Pèsach (o Pesah) che ricorda la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù e l’esodo dall’Egitto guidato dal profeta Mosè verso la Terra Promessa. 

Gli ebrei tuttoggi utilizzano un calendario i cui mesi durano quanto un ciclo lunare (29 o 30 giorni). La Pasqua ebraica si celebra il 14esimo giorno del mese nissàn, cioè in corrispondenza della luna piena di marzo-aprile. Perciò, fino al II secolo, i cristiani celebravano la Pasqua il 14 nissàn per ricordare la morte di Gesù che, era avvenuta in quel giorno, stando ai Vangeli. Successivamente si scelse di celebrare la risurrezione, non più la morte, di Gesù: nel 325 il concilio di Nicea, come detto, interpretando un passo di San Paolo, stabilì come data della Pasqua la domenica successiva alla prima luna piena di primavera. A seguire si fissano una serie di altre feste mobili: la Pentecoste, 50 giorni dopo (nel computo si comprende anche la Pasqua), o le Ceneri, 47 giorni prima, che apre il periodo della Quaresima.

Pasqua alta Pasqua bassa

Come detto la Pasqua è legata alle fasi lunari, che si ripetono mediamente ogni 29 giorni, quindi questa festività non può cadere prima o dopo un certo periodo. Perciò la domenica di Pasqua è sempre compresa tra marzo e aprile, in quanto legata all’equinozio di primavera (sempre intorno al 20 marzo) e al primo plenilunio. Per cui non può cadere prima del 22 marzo (cosiddetta Pasqua ‘bassa’) o oltre il 25 aprile (‘alta’). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.